© Olivier Minotti 2014
Dott. Olivier Minotti  Spec. FMH Chirurgia ortopedica
Distorsione caviglia 
Home Anca Ginocchio Spalla-Gomito Piede Trauma Sport Contatti Info su Links Distorsione della caviglia
Distorsione della caviglia Questo foglio informativo è  destinato a fornire ai pazienti elementi per capire meglio il trattamento proposto  dopo una distorsione della caviglia traumatismo molto frequente durante l’attività sportiva, lavorativo o di  divertimento.   Introduzione  La distorsione della caviglia è il traumatismo più frequente e è all’origine di circa 7 % delle consultazioni in pronto  soccorso. Il meccanismo più frequente è una torsione della caviglia in dentro provocando una lesione dei  legamenti laterali e a volte delle fratture. Provoqua un dolore intenso seguito dalla formazione di gonfiore e  ematoma nella regione dei malleoli della caviglia. L’importanza della sintomatologia è variabile e non rispecchia  sempre la gravità delle lesioni. Classificazione  Grado 1: stiramento dei legamenti laterali senza rottura. Gonfiore moderato. Nessuna instabilità riscontrata  all’esame medico. Grado 2: rottura completa di uno dei 3 legamenti laterali (legamento fibulo-talare anteriore). Gonfiore anche  importante attorno al malleolo laterale, ematoma. Il medico nota una relativa lassità all’esame funzionale. Grado 3: rottura dei 3 legamenti laterali. Importante gonfiore, ematoma e dolore tale da fare fatica ad appoggiare il  piede. Netta instabilità riscontrata dal medico all’esame funzionale. Cosa fare dopo una distorsione della caviglia?  Subito dopo l’infortunio il paziente può già seguire, nella misura del possibile le seguenti regole: -sedersi e applicare freddo sulla caviglia (acqua fredda, impacchi acqua con ghiaccio, impacchi freddi  monouso,...). -alzare il piede per evitare un gonfiamento troppo importante.  -bendare la caviglia.  -prendere un’ antalgico che si ha a disposizione nella farmacia di casa. -in seguito vi fate portare dal vostro medico oppure in pronto soccorso. Non c’è urgenza immediata nelle  distorsioni grado 1 o 2 e quindi potete anche andare il giorno dopo dal medico. Diagnosi della distorsione della caviglia  Il medico deve stabilire il tipo e la gravità della distorsione. Su base del mecanismo della distorsione, la nozione di  un “crac” sentito dal paziente, l’intensità della sintomatologia (dolore, gonfiore, ematoma) e la presenza di un  instabilità legamentosa all’esame funzionale, il medico delle urgenze farà una prima diagnosi. Le radiografie permetteranno di escludere un’eventuale frattura. A volte, ma non in urgenza, può essere richiesto  una TAC o una risonanza magnetica particolarmente quando la sintomatologia è importante. Cosi possono essere scoperte delle piccole fratture non visibili sulla radiografia. Importante è fare delle visite di controllo i giorni seguenti e non limitarsi alla prima visita eseguita in pronto  soccorso. E spesso più facile esaminare una caviglia dopo alcuni giorni dall’infortunio quando il dolore acuto è  reggreditto.  Trattamento -Stabilizzazione: per le distorsioni grado 1 e 2, un bendaggio è sufficiente. Per le distorsioni grado 3 una  fissazione (Air-cast, Walker,..) per 3-4 settimane.  - Stampelle: solo indicato se il paziente non è più in grado di caminare senza dolore. - Impacchi freddi, antalgici e antiinfiammatori. Controlli  Un controllo è necessario entro 7-10 giorni se i dolori non sono migliorati. Può essere necessario richiedere  ulteriori accertamenti per escludere fratture o lesioni cartilaginee non visibili sulla radiografia iniziale.