© Olivier Minotti 2014
Home Anca Ginocchio Spalla-Gomito Piede Trauma Sport Contatti Info su Links

L’intervento  

L’intervento di protesi totale del ginocchio dura da 1 a 2  ore. L’incisione cutanea è lunga circa 18 cm longitudinale  sulla parte anteriore del ginocchio.  L’articolazione viene  aperta ribaltando la rotula.  L’estremità del femore e della  tibia sono preparati in modo minuzioso per ricevere  l’impianto protetico scelto. I menischi e il legamento  crociato anteriore vengono tolti. Tutti gli altri legamenti  sono lasciati in sede. A volte la parte articolare della  rotula è anche sostituita.  Per posizionare esattamente la protesi il chirurgo utilizza  degli strumenti di taglio con guida meccanica oppure è  guidato dalla navigazione computerizzata sempre più  utilizzata a l’ospedale di Locarno.   La ferita è chiusa con dei clip. Nel ginocchio sono inseriti  3 tubicini per il drenaggio del sanguinamento e per il  recupero del sangue (autotrasfusione). Il sanguinamento  durante l’intervento è minore perché la circolazione nella  gamba operata viene interrotta durante l’intervento.  Solitamente non è necessario trasfondere il paziente.

Dopo l’intervento

L’analgesia ossia il controllo dei dolori in fase post- operatoria è importante per il benessere del paziente. Perciò vengono amministrati farmaci per via endovenosa (flebo) o tramite un catetere inserito nella coscia oppure in sede peridurale che inietta regolarmente per il tramite di una pompa un anestetico che “paralizza” parzialmente la zona operata.   Il giorno dopo l’intervento inizia la fisioterapia. Il paziente viene alzato autorizzando il carico totale e il ginocchio viene mobilizzato mediante una stecca elettrica (Kinetec). Il fisioterapista comincerà quindi il programma di riabilitazione stimolando il paziente a camminare anche a volte senza stampelle.  La durata della degenza dipende innanzitutto delle condizioni di aiuto che il paziente trova al proprio domicilio. Il ricovero dura da 5 a 10 giorni. Dopo il ricovero il paziente dovrà continuare la fisioterapia ambulatoriamente o a volta presso una clinica di riabilitazione.
Ospedalizzazione

Prima dell’intervento

Il paziente viene ricoverato solitamente il giorno  prima dell’intervento.  Il giorno dell’ammissione  in ospedale verranno effettuati gli esami  preoperatori non ancora effettuati in precedenza  (per es. radiografia torace, prelievo sangue,  elettrocardiogramma,… a dipendenza del  paziente), la visita del medico del reparto e/o del  chirurgo e del medico del team responsabile  dell’anestesia. In questa occasione è ancora  tempo di fare domande ai medici su aspetti  ancora poco chiari perché il paziente deve dare  il suo consenso all’intervento confermando che  è al corrente dei benefici e rischi della  procedura proposta. Questo foglio informativo vi  aiuta a ricevere le dovute informazioni.  L’operazione è eseguita nella maggioranza dei  casi in anestesia perdurale o spinale (iniezione  dell’anestetico a livello della schiena ciò che  addormenta gli arti inferiori) e a volte in  anestesia generale. L’anestesista illustrerà e  motiverà il metodo di anestesia prescelto  durante il colloquio preoperatorio. Sempre più  spesso vengono associati diversi tipi di  anestesia in modo da assicurare una analgesia  post-operatoria continua (anestesia  locoregionale lasciata in sede dopo l’intervento  in modo da lasciare parzialmente addormentata  la gamba operata grazie ad’ un catetere inserito  a livello della coscia). Una buona analgesia  post-operatoria permette una rieducazione  precoce e indolente. Spetta comunque  all’anestesista di decidere e scegliere il metodo  più idoneo a secondo del paziente. Il paziente non deve assolutamente  ne  mangiare ne bere 6 ore prima dell’intervento.

Il giorno dell’intervento

Il giorno dell’operazione il paziente si prepara  all’intervento assistito dall’infermiere. Il paziente  indossa un camice e cuffia. I gioielli, occhiali,  lenti a contatto, protesi dentarie saranno tolti. Il  paziente viene portato in sala operatoria circa  una mezz’ora prima dell’intervento.Il paziente  non deve assolutamente  ne mangiare ne bere 6 ore prima dell’intervento. 
Ospedale regionale La Carità LOCARNO
Dott. Olivier Minotti  Spec. FMH Chirurgia ortopedica
Protesi ginocchio